Compagnie fantasma online: vecchia intestazione per frodare i clienti.

LADRO

Ancora il sud italia protagonista di truffe Rca, attraverso compagnie fantasma: si vendono polizze falsificate a bassissimo costo agli automobilisti ignari del raggiro, che viaggiano poi senza copertura.

Si tratta di una società inglese abilitata a operare in Italia anche nel ramo Rc auto. Le polizze riportano l’intestazione: Great Lakes Reinsurance (UK) Ltd e Great Lakes Reinsurance (UK) Plc, che risultano essere le vecchie denominazioni della stessa impresa Great Lakes Reinsurance (UK) SE. La maggior parte di queste polizze false risulterebbero acquistate via Internet tramite i siti non autorizzati all’intermediazione assicurativa: http://www.galloassicurazioni.com http://www.consulenzeeservizionline.com. Insomma, una truffa diabolica, basata sull’equivoco dei nomi.

Al fine di verificare la validità delle singole polizze, l’utenza potrà rivolgersi direttamente all’impresa Great Lakes Reinsurance (UK) SE. Telefono: 02 72 62 64 62. Email: clienti@prima.it. Più in generale, l’Ivass raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese regolarmente autorizzate allo svolgimento dell’attività assicurativa e che gli intermediari che propongono la sottoscrizione dei contratti siano iscritti nel registro unico degli intermediari assicurativi o nell’elenco degli intermediari dell’Unione europea. Basta consultare sul sito ivass.it  gli elenchi delle imprese italiane e estere ammesse a operare in Italia.

Sullo stesso sito, c’è l’elenco degli avvisi relativi a “Casi di contraffazione o società non autorizzate“; del registro unico degli intermediari assicurativi e dell’elenco degli intermediari dell’Unione Europea. I consumatori possono chiedere chiarimenti e informazioni all’IVASS attraverso il numero verde 800 486661 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30. Vale la pena rammentare che circolando senza copertura, al di là delle sanzioni, in caso di incidente gli ignari acquirenti dovranno pagare tutti i danni.

Attenzione quindi!